L’accordo Stato Regioni del 16/01/2003 sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso natatorio comporta un costante monitoraggio per tutti i soggetti interessati.

Tra gli adempimenti del titolare dell’impianto risulta anche essere l’individuazione dei soggetti responsabili dell’igiene, della sicurezza degli impianti e dei bagnanti e della funzionalità delle piscine. I controlli per la verifica del corretto funzionamento del complesso sono distinti in controlli interni, di responsabilità del titolare, e controlli esterni, effettuati dall’azienda sanitaria locale (ASL).

In particolare, i controlli interni vanno eseguiti secondo protocolli di gestione e di auto-controllo. A tal file, il responsabile della piscina deve redigere il DVR (documento valutazione rischi) considerata ogni fase che potrebbe rivelarsi critica nella gestione dell’attività e deve garantire che siano applicate, mantenute ed aggiornate le procedure previste dal predetto documento.

Confartigianato Imperia, in collaborazione con il laboratorio Lifeanalytics, assiste le imprese che ne avesse bisogno. Lifeanalytics offre il servizio di DVR e analisi delle acque della piscina, svolgendo in tal senso gli adempimenti previsti a norma di legge.

Confartigianato ricorda che è obbligo per il responsabile della piscina essere in possesso del DVR e dell’acqua di vasca secondo la tabella da richiedere, con una frequenza generalmente mensile ma che viene stabilita dal documento di valutazione del rischio.

Per avere maggiori informazioni è possibile rivolgersi ai nostri uffici allo 0184/524517, al numero WhatsApp 389 9588821, sui canali social e alla mail giovannini@confartigianatoimperia.it